Il cittadino medio, gli stealer e i keyloggers


Purtroppo non tutti sanno che ciò che si digita sulla tastiera si traduce in segnali prima elettrici, poi digitali, che potrebbero venire indebitamente intercettati da "soggetti" terzi di cui ignoriamo l'esistenza.

Senza voler arrivare alle tecniche d'intercettazione avanzata, che fortunatamente non riguardano i "cittadini medi", anche lo scenario comune mostra minacce informatiche abbastanza evolute che mettono a repentaglio l'esclusività delle nostre credenziali e informazioni.

Parliamo degli stealer/keyloggers, software malevolo realizzato per intercettare e comunicare ai malintenzionati ciò che digitiamo sulla tastiera e i dati che inseriamo nei form di autenticazione.

Queste informazioni vengono poi utilizzate per accedere ai servizi on-line a nostra insaputa e, nel caso di servizi bancari e/o di pagamento, anche per sottrarre denaro.

Questi malware, come molti altri, si diffondono principalmente attraverso mail contenenti allegati malevoli e software corrotto (warez, shareware...).

Difendersi non è sempre facile, ma sicuramente evitare d'installare software scaricato dalla Rete, soprattutto dai circuiti di software illegale, e stare attenti agli allegati mail è un buon inizio. Anche l'uso di una soluzione antivirus/antimalware di qualità è di aiuto, così come l'uso di credenziali univoche e sicure, cambiate spesso e monitorate attraverso i sistemi esistenti (es. Firefox Monitor).




Scopri un altro comportamento migliorabile
oppure prova a fare una ricerca.